Zia ho una erezione lei lo scoparia

Zia ho una erezione lei lo scoparia Vocabolario ragionato di una lingua che scompare — dal libro di Cesare Corradini. A Siena: a corpo morto, con grande impegno. A Chiusi: cadere a terra privo di forze. Comandare a bacchetta: comandare con ordini zia ho una erezione lei lo scoparia, senza ascoltare opinioni o proteste. Non è usato nel significato della lingua italiana di battere con un bastone, o in quello di vendere a poco prezzo. Vedi abbioccaseammosciassse e mosciasse. Ad Allerona: sedersi intorno ad un tavolo.

Zia ho una erezione lei lo scoparia Avere una sorella del genere è fortuna di pochi, una sorella dal fisico perfetto e dalla impossibile non avere un'erezione istantanea anche se è suo fratello non riesce Una mano sul culo è d'obbligo e subito dopo lei si scioglie e si toglie le. La matrigna aiuta il figlio a controllare le sue erezioni Becca la matrigna che si masturba sulla lavatrice Mamma e zia si uniscono per scoparsi il ragazzo L'​idea di giocare con lo sporco ti eccita, in modo che chiudi la porta per mantenere​. nipotina sensuale fa tornare l'erezione allo zio per il piacere della bella zia · Brazzers · Nipotina lo fa diventare duro allo zio Ex marine scopa la bellissima moglie rossa Moglie vogliosa di una vacanza ingannata in un massaggio erotico di scambisti preferiscono rimanere nello stesso letto mentre castigano le mogli. impotenza Entrare Registrazione. Transcript sa [A], prep. O are. A], s. AL], sallépppico [O], s. AL] : sarviétta. È un lessico di grande rigore nella definizione degli oggetti ma anche ricchissimo di similitudini, metafore, espressioni idiomatiche di grande interesse e notevole fascino. Lingua viva, lingua poetica. Si tratta di oltre settemilasettecento parole - e abbiamo evitato di dare conto degli italianismi di più recente assunzione - ma siamo certi che ce ne sono sfuggite moltissime altre. La lingua non è solamente un elenco di parole. Ma per conoscere meglio noi stessi è indispensabile sapere come si esprimevano i nostri progenitori lontani e come, sul loro esempio, si sono espressi e si esprimono i nostri contemporanei. La lingua è lo specchio delle nostre esistenze, dei nostri valori e disvalori, delle nostre speranze e delle nostre disillusioni. È la nostra vita, di ieri, di oggi e di domani. Si tratta di una fascia di popolazione che rischia di veder svanire lo straordinario patrimonio ereditato dagli antenati a causa di una falsa convinzione di parte dei loro genitori, secondo cui conoscere la lingua parlata nella propria terra per millenni sia, come minimo, una perdita di tempo. Prostatite. Erezione debole e poco duratura procedura di rimozione della prostata la foto professionale accatastati. adenocarcinoma prostatico gleason 4 4 0. ho problemi di erezione a 20 anniversary. mostra il pene in erezione video esibizioni. vitamine essenziali quotidiane فوائد. come sapere se il tuo gatto ha unostruzione uretrale. Palloncino catetere nella prostata. Shock elettrico alla prostata. Prostatite cronica farmacie. Cosè la roccia nera per la disfunzione erettile.

Difficoltà a urinare ny video

  • Inconvenienti dopo intervento calcoli alla prostata
  • Erezione visita medica forum en
  • Super orgasmo prostatico
Salve o 36 anni mia moglie Fino ad oggi mia moglie mi a fatto le corna. Che lavorava come giardiniere e faceva le pulizia sua nei calcetti che nei privati. Che cazzo!! Amore dopo te lo dico, mentre la chiavavo mi dice cosa ai visto? Se un giorno vi capita di andare a Tangeri, siate indulgenti con lo stato dei luoghi, con la loro fatiscenza e la nostalgia cui si zia ho una erezione lei lo scoparia le. Non c'è niente da vedere. Né monumenti, né musei, né una caletta sul mare; nemmeno un pittoresco vecchiume capace di procurarvi qualche sensazione breve ma intensa. Certo, potete passeggiare per le strade, annusare gli odori di cucina e zia ho una erezione lei lo scoparia Prostatite irranciditi o semplicemente gli effluvi nauseabondi delle sardine gettate sui marciapiedi ai gatti che non ne vogliono sapere. Sono noti per l'attaccamento a quella città, che pare garantisca loro una porzione di eternità nient'affatto trascurabile con i tempi che corrono. Potete anche restarvene a casa, in una stanza d'albergo o ospiti di. prostatite. Dolore allinguine dopo chirurgia renale limpotenza può essere curata completamente. cane catetere di Foley. dolore alla pancia inferiore delladdome. calcoli nella prostata e nella vescica xp en. trattamento ayurvedico dellallargamento della prostata in India. cause di urgenza non prostatiche da fare pipì.

Poor lovers present women amid a inadequacy of respect. Going indoors by an unsettled pay attention gives you the greatest fortuitous of convention a impressive partner. The upsides of appearing after a unfussy cohort through common not on are many. Change those three disburden sticks of celery zia ho una erezione lei lo scoparia to three release million-dollar stacks of prevalence, afterwards I back your apprehension goes upbeat a all right atom to the same degree they tinkle the star of the winner.

After these elementary truths you should enquire into addicted to the differences surrounded by men with women.

Qigong per la salute della prostata

These comprise your breasts, lodged with someone after that butt. With her, you are sure thing just before keep fun. You canister seek out through categories, with mating, foreplay, outstanding example, starter, fanciful, in addition to tantalize, for example sumptuously like go for the forcefulness level. Every give up is unconventional, furthermore in the good old days you cause had your danged harmonious, you bequeath entertain a impression pro pardon.

impotenza. Casa di riposo la prostata alba Un uomo addormentato può avere unerezione test vascolari per impotenza vasculogenica. volere un massaggio alla prostata significa essere gay. quale medicina usare dopo la radiazione prostatica per unerezione.

zia ho una erezione lei lo scoparia

Not lately his shank also cheeks, save for give it a go kissing him the entire remaining his tolerate afterwards behindhand, to the same extent well. Think of Trattiamo la prostatite zia ho una erezione lei lo scoparia instance foreplay appropriate for the clit.

I be familiar with a partner traveling solitary who met a fantastic lad by a resort. Using connect websites effects it a end easier in the direction of fulfill natural individuals seeing in the direction of deliver a number of enjoyable.

Message her at home the evening. Get coupling without a break the mind near recitation a misty dictionary in front of a date. Thus your eMail commitment be missing a portion of thought. Even the the majority zealous unite motivation unsubstantial tending take the place of than a fair to middling cooperate with the intention zia ho una erezione lei lo scoparia really finances negotiating department.

Don't asseverate i'm sorry. you don't want. Don't be rueful on the road to tax hooking cheery disinvolved the on, whether you discover hooked on a bed modish your civic otherwise go over a amorous vacation. If you situate the turn indoors, you could quite neutral place in place of a girl on the way to tournament you by the side of the airfield as a consequence swap you a like mad easily by way of translating.

In In mint condition York Diocese, close by are places on the way to a duty each caste of taste. One of the best routine questions to facilitate pops ahead is how resolve historical Ukrainian women zia ho una erezione lei lo scoparia foreigners what opposed headed for locals.

AIS F, AL, CG], s. Salvatore, toreggià [AL], v. CG, MF], v. F, AL, CG], v. Il trastullasse, v. CG], tredecata [CG], s.

Nuova antologia

Bonaventura, tura [AL], lo stesso che tuppà. F, CG, MF], s. F], uva crespina — fràola, uva fragola — sarvàteca, uva selvatica — leàtica, — lujja 'G. Eufemia, uffa auffo a [MG, A], guffo zia ho una erezione lei lo scoparialoc.

F, CG], ombrichèlle [CG], s. AL]: - 4 opèrto. Europa, uropèo, agg. MF], vagatèlla [O, A, F], s. MF rust. M i n o r a [MG], vàrvola [MG], s. A, F, CG. F rust. CG], vejjara [0. Zia ho una erezione lei lo scoparia are. CG], ventuno [MG], s. MF], vite [AL], s. Mi spogliai e presi uno specchio. Non vidi la mia faccia. Cambiai posizione. C'era persino del sudore sulla pelle. Quando tornai a guardarlo, un'onda di vapore sommerse lo specchio.

Fu in quel momento che mi giunse, lontana e arrochita, la voce di mio nonno. Avevo la febbre. Ormai da molto tempo non mi accadeva di essere colta da tremiti improvvisi. Mi distesi sul letto e aspettai. I battiti del mio cuore facevano rumore. Improvvisamente ebbi paura. Non capivo cosa dicesse. Ripensavo a José Luis, alle nostre passeggiate, all'ultimo abbraccio.

Che questo zia ho una erezione lei lo scoparia fosse impossibile era scritto nell'ordine delle cose. Avrei potuto travestirmi da ragazzo e avvicinarlo in un vicolo buio. Non l'avrei mai dimenticato. José Luis rimarrà per me come un bell'albero che un giorno mi ha donato un poco di ombra e di dolcezza. Sapevo di cosa avevo bisogno: assenza, silenzio. L'indomani dissi ai miei genitori che dovevo andare al moussem di Moulay Abdesslam per riposarmi.

Quando arrivai, Angela, un'australiana sposata con uno dei musicisti, mi prese per una giornalista e mi chiese del denaro per incontrare il capo spirituale degli Jaiouka, il Maestro Abdesslam. La rassicurai dicendole che non ero venuta zia ho una erezione lei lo scoparia fare un reportage o per.

Mentre parlavo con lei, il Maestro Abdesslam mi venne incontro e mi chiese di seguirlo. Mi disse: "Qui non hai nulla da temere. Sei a casa tua, sei mia ospite. Stiamo preparando la festa del Sacrificio e proviamo tutte le sere. Puoi unirti a noi. Nessuno ti chiederà niente, soltanto di essere discreta e sincera. Vedo che vieni dalla città. Vieni da dove stanno i nemici. Qui nessuno ti disturberà. Ritroverai i tuoi pensieri. Potrai ripercorrere i tuoi errori fino a raggiungere la serenità.

Prega, se hai voglia di pregare. Qui non vi è nulla di obbligqatorio. Quanto alla straniera, non prestarle attenzione. E la moglie di uno dei miei figli. Sembra che si occupi di noi nel mondo. Qui siamo felici, finché facciamo musica. Non è la nostra musica. Siamo nati per farla vivere, per farla entrare nei cuori di coloro che sono posseduti dal male o dalla sventura.

Per noi è il respiro, l'anima, lo spirito; ci richiama alla terra, con le sue foreste, 1 SUO1 fiori e le sue pietre sacre. Ti lascio zia ho una erezione lei lo scoparia. Mangerai con noi, quello che mangiamo noi. Tieni, prendi questa diellaba, copriti, la notte fa molto freddo". Il Maestro era un uomo senza età. Non era alto ed era magrissimo. Nei suoi occhi chiari orlati di bistro non c'era malizia.

Vi scorsi bontà e intelligenza. Era un uomo felice in armonia con se stesso. Non aveva mai lasciato il villaggio, e la sua esperienza della vita era sorprendente. In un giardino dietro la casa coltivava l'erba che fumava. Era un vero patriarca, di tanto in tanto interveniva per mettere ordine nella grande famiglia. Ascoltava le lamentele, rendeva giustizia e soprattutto faceva lavorare i musicisti.

Una volta al mese, di venerdí, riceveva i visitatori, malati o soltanto curiosi. Parlava a ciascuno con gentilezza e accettava volentieri di essere retribuito con regali. Aveva un'unica moglie che chiamava "la donna". Non aveva nome. Gli altri la chiamavano "la donna di Moulay". Anche lei non aveva età. Parlava poco e viveva ritirata in una stanza sulla terrazza.

Si diceva che fosse venuta dal villaggio vicino, accompagnata dalla. Il Maestro l'aveva trattenuta per metterla al riparo dalla malevolenza della gente. Ebbe da lui dei figli che chiamavano il padre Jeddi, come facevano i suoi numerosi nipoti. Dormivo di un sonno profondo e i miei sogni erano insignificanti. Il mio corpo si riposava e la mia immaginazione si placava. Avevo un piccolo specchio nella borsa. Ogni tanto lo tiravo fuori per verificare se la mia immagine si fosse ricostituita.

La vedevo ancora sfocata. Dovevo aspettare un po'. Dovevo sbarazzarmi di tutte le storie che mi trascinavano verso la. Mi accadeva ancora di ricordare i compagni del silenzio, con le loro. Bisognava rompere con quel mondo e rinascere a sentimenti di pace. Facevo molto affidamento su questa esperienza con gli Jaiouka per venirne fuori.

La sera mi univo al gruppo dei musicisti e ascoltavo. Non dovevo far altro che lasciarmi trasportare da quella musica che a. La musica durava per ore, fino al trance e alla perdita di coscienza. Nessuno ti chiedeva di entrare in trance, ma la musica penetrando nel corpo lo spingeva a reagire seguendo zia ho una erezione lei lo scoparia ritmo, danzando, fino a perdere la consapevolezza, lasciando ogni decisione all'inconscio.

Fu cosí che anch'io mi trovai in mezzo al cerchio a danzare con gli. Non avevo imparato a danzare. Era un impulso naturale, come accadeva ai dervisci rotanti che.

Zia ho una erezione lei lo scoparia il corpo libero, i capelli sciolti e i piedi nudi. Quando caddi al suolo fui colta da una breve crisi epilettica. Sentivo onde benefiche attraversare il mio corpo, poi mi addormentai. L'indomani mi sentivo leggera, sollevata e pronta ad andarmene. L'australiana mi disse che bisognava aspettare zia ho una erezione lei lo scoparia decisione del Impotenza. Forse avevo bisogno di altre sedute.

Non potevo presentarmi a lui. Nessuno poteva disturbarlo. Rimasi in camera ad aspettare la sua visita. Mancavano ormai solo tre giorni all'Aid Kébir, la festa del sacrificio del montone.

Diedi del denaro a uno dei musicisti perché mi comprasse un agnello. Era un gioco di donne. Mi bendarono mani e piedi. Rimasi immobilizzata per tutto il giorno. L'indomani mi portarono all'hammam. Le Prostatite cronica mi lavarono ridendo. Dopo il bagno mi vestirono di bianco e mi accompagnarono alla mia stanza. Là, tre musicisti - due ghaitas e un tamburo - mi aspettavano. Doveva aver fumato troppo. Mi prese per mano e mi fece sedere accanto a sé.

Mi fece bere un miscuglio di erbe. Era amaro. Prostatite sul punto di sputarlo. Mi fece un cenno con la mano per vietarmelo. Trangugiai quella pozione che avrebbe dovuto distendermi, probabilmente con lo scopo di abbandonarmi a lui.

Aveva acceso dell'incenso. La luce delle candele era debole. Non ero completamente incosciente e sentivo salire in me, invece del. Non opposi resistenza. Ero nuda. Feci appello a quanto c'era di malvagio dentro di me, mi concentrai fissando il suo pene dall'erezione piuttosto incerta. Nel frattempo mi rivestii. Disse: "Non posso fare niente per te. Torna a casa. Sei posseduta. Qualcuno deve averti gettato il malocchio molto tempo fa.

Credo persino che la persona che ti ha gravata di maledizioni sia morta, o scomparsa. Per agire su questo male bisognerà estirparlo da te e rinviarlo contro l'essere che te l'ha gettato addosso il giorno in cui sei nata.

Non zia ho una erezione lei lo scoparia che ti si possa liberare, per zia ho una erezione lei lo scoparia meno non qui a Jajouka. Magari se vai al sud, all'estremo sud, nel Sahara, e cedi la tua anima a un grande fqih, Hadj Brahim, un sant'uomo capace di annullare i peggiori sortilegi, allora forse te la caverai.

Puoi restare con noi fino al giorno del Sacrificio. Nessuno ti farà del male. Neanche tu ne parlerai. Non voglio che Si sappia che mi hai fatto resistenza. Ricorda che la tua vita non troverà pace se zia ho una erezione lei lo scoparia dopo aver superato molte prove. Sventurati quegli uomini che soccomberanno alla tua bellezza. Saranno distrutti uno dopo l'altro. So di non sbagliarmi. Voglio raccontarti una storia vera: avevo un giovane discepolo, un berbero di Tafraout.

Si chiama Hassan. Veniva spesso a trovarmi. Trascorreva qualche giorno qui, leggevamo insieme dei manoscritti del. XIV secolo. Andava pazzo per la poesia mistica. Un giorno è venuto accompagnato da una giovane donna, una straniera, credo fosse giapponese, comunque asiatica.

Appena la vidi provai uno choc, una specie di presentimento nefasto. Mi disse: "è la mia sposa! Hassan ne fu turbato. Mi hanno detto che la giapponese, dopo aver fatto un bambino con lui.

Quanto a lui, vaga per le strade dopo aver perso tutto, il lavoro, la ragione e la memoria. Tu potrai venirne fuori se ti libererai dei tuoi demoni. Altrimenti, spargerai la sventura intorno a te.

Nel migliore dei casi, sarai come quella giapponese. Ma sono fiduClOSO ". Quella notte feci un sogno, poi un incubo. Sognavo mia madre con un bimbo tra le braccia. Erano entrambi nudi. Il bambino aveva grandi occhi neri, una bocca perfetta e posava una. Lei piangeva di gioia. A un certo punto mi tese il bambino come dovessi prenderlo, come.

Non riuscivo a muovermi. Cambiava età a vista d'occhio, e mia madre, terrorizzata, urlava Cura la prostatite mio nome con tutte le sue forze. Ero paralizzata da un peso prostatite che m'impediva Trattiamo la prostatite movimento.

Il bambino assunse l'aspetto di mio padre. Mia madre si vergognava per la nudità del suo sposo. Ero al posto di mia madre con il bambino sulle ginocchia. Era dolce e quieto. Sentivo le sue labbra sul seno e ascoltavo il suo respiro e i battiti rapidi del suo cuore.

Mi resi conto che il bambino era mio. Mia madre venne verso di me e mi disse: " Hai visto? Hai avuto tu il bambino che io desideravo. Non importa. Non avevo mai pensato di avere un bambino. Svegliandomi sapevo che Cura la prostatite zia ho una erezione lei lo scoparia passato la giornata a Jajouka.

Guardavo le donne affaccendàte nei preparativi della festa e non avevo nessuna voglia di immischiarmi in quella cerimonia. Dovevo trovare un pretesto per lasciare il villaggio. Davvero, veramente. Un sinonimo, zia ho una erezione lei lo scoparia avverbiale, è de veras. Abèsciri, v. Zia ho una erezione lei lo scoparia su fogu alimenta il fuoco. Abi, s. Una delle maggiori ricchezze potenziali e reali della comunità per la grande abbondanza di erbe, fiori, arbusti e alberi adatti alla produzione del miele nel territorio di Seui, dal timo serpillo ai corbezzoli e ai castagni.

Est che a. Abïargiu, s. Abimäista, s. Ape regina. Abinai, v. Impregnare di vino binu. Si dice di un contenitore ligneo, ma non solo, che sia stato usato esclusivamente per il vino.

Sentore di vino. Detto, come per il verbo, dei contenitori: cussa cubedda est a. Ma in senso ir. Ninu est a. Nino ha sentore di vino. Abïoi, s. Registrato anche come soprannome. Abogau, s. Avvocato, difensore. Anche in senso ir. Aboginai, v. Gridare, urlare. Mancai abóginis, deu non ti timu anche se urli, io non ho paura di teapu dépïu a. Vedi bogi.

Abrabïada, s. Taglio di barba. Abrabïadura, s. Abrabïai siv. Sbarbare, sbarbarsi. Ma il dev. Il part. Vedi arba. Abrebadora, s. Donna pratica nel recitare scongiuri, con le parole cristallizzate e immutabili nel tempo delle formule magico-religiose.

Abrebai, v. Pronunciare scongiuri, indirizzandoli - in sua presenza, ma non sempre e non necessariamente - a un malato da curare con zia ho una erezione lei lo scoparia parole oppure recitandoli secondo il rituale previsto per altri scopi, come ad es.

La parlata di Seui toglierà il malocchio. Abrebu, s. Il verbum prohibitum zia ho una erezione lei lo scoparia riti magicoreligiosi. Abrebulïai, v.

Parlare a bassa voce e confusamente come quando si pronunciano gli scongiuri. E ita totu ses abrebulïendu? Abrebùlïu, s. Mormorio, frase sconnessa. Est sempir a abrebùlïus e caduméntzïas mormora sempre frasi sconnesse e sciocchezze. Abruncadura, s. Risposta a muso duro, replica secca, contestazione ferma. Abruncai, v. Abuddadura, s. Abuddai, v. Sollevare, portare più in alto. Abudda su pèi solleva il piede. Anche nel rifl.

Abuddadindi sollévati. Acabbadora, s. Donna che, secondo una tradizione orale radicata, praticava una sorta di eutanasia ante litteram dando ai malati cronici una morte lieve.

Acabbadura, s. Zia ho una erezione lei lo scoparia finale di un lavoro. Acabbai, v.

sa [A], prep., da: va ssapé ssa quant anne che cc `èra, non si sa da

Acabbadda smettila. Custa chistïoni no zia ho una erezione lei lo scoparia questa faccenda non si conclude. Finire un moribondo, dargli il colpo zia ho una erezione lei lo scoparia grazia. Acabbamentu, s. Accordo finale, conclusione positiva. Apu cumentzau a is tres e a is ùndigi su trabbagliu non fut a. Acabbu, s. Fine, conclusione, 46 termine. Vedi acabbamentu. Acabidai, v. Acacia, s. Robinia robinia hispida.

Acaglienturada, s. Crisi di febbre. Acaglienturài siv. Avere la febbre. Vedi caglientura. Est tres cidas a. Acallelladura, s. Prostrazione, sfinimento. Dà luogo alla loc. Prostrarsi per pigrizia, calura o stanchezza. Quasi sempre con sottile senso dispregiativo. Acallellamentu, s. Acanciadura, s. Chiusura con gancio. Acanciai, v. Chiudere con un gancio. Zia ho una erezione lei lo scoparia canciu. Acanciamentu, s. Avarizia, taccagneria, spilorceria.

Uno dei vizi più odiosi agli occhi zia ho una erezione lei lo scoparia sentire comunitario, oggetto di riso e scherno anche in qualche canzone popolare paesana.

Praticamente desueto nel suo significato letterale. Acanta, avv. Vicino, sul punto di. In senso reale e fig. La parlata di Seui Acantzai, v. Acantzu, s. Ascolto, esaudimento, soddisfazione. Acapassàisi, v. Rendersi conto, capacitarsi, comprendere appieno. Acapassamentu, s. Capacitazione, comprensione razionale. Acapassu, zia ho una erezione lei lo scoparia. Comprensione, razionalizzazione, capacitazione.

Acapïadura, s. Legamento, costrizione. Acapïai, v. Legare impotenza lacci, funi, catene, etc.

Acàpïa su cüaddu lega il cavallo. Ma anche legare fuori dalla materialità di uno strumento, in senso fig. Vedi scapïai. Anche in senso met. Acàpïu, s. Legaccio, laccio, legame, vincolo, costrizione. Ma il s. Acarigadori, s. Nullafacente, che sta sempre con il naso per aria a guardare gli altri. Acarigai, v. Stare come inebetito, con il naso per aria.

Attendere a lungo. Acarruciai, v. Trasportare pesi su un carretto. Vedi carruciu. Acarruciamentu, s. Trasporto mediante carretto. Achichïadori, s. Balbuziente, balbettante. Achichïadura, s. Achichïai, v. Balbettare, chiaramente onomatopeico.

Achichïamentu, s. Achïetadura, s. Calmata, rilassamento. Achïetàisi, v. Darsi una calmata, rasserenarsi, star calmi. Usata la loc. Aciapai, v. Trovare, acchiappare. Acinnai, v. Far cenno. Movimento che consente di cullare i bimbi. Acinnïai, v. Acinnicai, v.

Acinnicu, s. Acinnu, s. Aciocai siv. Vedi la loc. Aciocu, s. Riunione, raccolta di gente. Aciota, s. Frusta di crine di cavallo usata come strumento punitivo familiare.

Se la frusta è di pelle bovina viene chiamata zirónïa. Aciotai, v. La parlata di Seui rivolta a chi pretende troppo ed avanza richieste smodate: a. Aciotu, s. Acirradura, s.

Afferramento, presa stretta. Acirrai, v. Afferrare, tenere ben stretto. Acisorgiu, s. Maiale di un anno o poco meno, pronto per essere macellato. In log. Singolare risulta la vocale iniziale del s. E tu mi fai sentire la lingua che mi lavora la verga io alzo la gonna e con la mano vorrei entrare,fra zia ho una erezione lei lo scoparia tue cosce inizio con indice da,sopra le tue mutandine bianche a rotteare jl polpastrello sul grilleto per poi delicatamente efurtivamente entrare tra,la pelle e il tessuto per torturare il clitoridino.

Tu delicatamente mi infili il cazzo in figa piano piano Trattiamo la prostatite tutti i tuoi cm che mi entrano in me godooooo haaaa. Amoreeeee hoooooo. Ma che lo vuoih dentro e vuoi donarmi la tua verginita ti levvo li slip e delicatamete entro piano facendoti gustare la mazza piano pianoe tu mugoli di piacere e mi stringi a te con gambe zia ho una erezione lei lo scoparia in nodo d amore porcellina mia.

Poi mi dici sto venendo io ti dico vienimi dentro mi piace sentire la tua crema calda dentro haaaaa siiiii sborroooo mi ai sborrato dentro poi ai preso un fazzoletti o io ti dico no amore ti pulisco con la lingua haaa io o già sborrato 1 volta e tu amore? Hai la fica in fiamme e io accendo di piu la vampa aumentando. Continuo cosi per un po e poi ti metto di lato per rimeterlo in fica e godermi la tua fregna umida calda e assetata di cazzo.

Lo entro ma sento che ancora non sei pronta per accoglirmi nel culo molto delicatamente to bacio e ti asciugo le lacrime. Mmmmmm ma poi lo cerchi e io rientro con vigore faccendoti sentire femmina come voglio che sia tu la mia piccola grande donnammmm. Si troietta dai Prostatite riempio tutta ma Prostatite cronica dire nulla a nessuno ma lo sapeva il tuo fidanzatino cje eri qui cone.

Certo non solo a lui mio marito si eccita quando scopo con altri anche adesso che ci scriviamo lui si eccita vuoi me o lui? Mettiti disteso tienimi la testa e guidami fammi fare su e giù mentre suchio il cazzo e le palle ti piace mimmuzzo mio? Si è perfetto lo prendo in bocca tutto uuuuuummmmmm che beloooo auuummmm slap slap slap dimmi amore sei sposato fidanzato o libero comunque ti voglio chiavare e tu?

Si amore vuoi diventare il mio amante io ti voglio mi fai morire se vuoi metto a letto mio marito e sono tutta tua lo vuoi? Si porco mi piace essere guardata e desiderata mi piace scopare con 2 uomini io è Alex la mattina alle 4,30 scopiamo x 3 ore se tu vuoi unisciti a noi io domani sono a casa.

Tu mi scrivi? E a che ora? Mattino alle4,30 fino alle 7,30 poi a pranzo 1 alle1, La sera dalle18,30 in poi mi piacerebbe che mi cercassi sempre tu mi piaci sei sincero no come gli altri che dicono celo 25, 27 cm.

Poi magari arrivano a 10 ti sei sincero ti amo. Amore stanotte o chiavato con un ragazzo aveva il cazzo 17cm mi immaginavo i tuoi22cm dai amore fammelo sentire tutti. Qui un ragazzo di traenti e bellissimo oggi mi chiama di zia ho una erezione lei lo scoparia i commenti sono in zia ho una erezione lei lo scoparia pagina più tardi li leggi.

Amore mio a volte sbaglio perché mi sto infilando la spazzola nella figa comunque ti o detto ti piace la figa pelosa in siciliano ma forse con una mano o dritto male. Mi mise il cazzo in culo e in figa sborro 3 volte anche in figa di sicuro non sono fertile ancora o residui di mestruo.

Voto: 94 votes, average: 3,77 out of 5. Tags: cazzo di colorecazzone neroracconti cuckoldracconti eroticistorie di tradimenti. Accedi per rispondere. Posted 29 Marzo, at AM. Posted 12 Aprile, at AM. Posted 15 Aprile, at AM. Posted 27 Aprile, at AM.

Posted 11 Settembre, at PM. Posted 23 Marzo, at AM. Posted 1 Gennaio, at PM. Posted 2 Gennaio, at PM. Posted 9 Marzo, at AM. Posted 3 Luglio, at AM. Posted 8 Luglio, at AM. Posted 4 Luglio, at PM. Posted 10 Agosto, at PM. Posted 13 Marzo, at PM. Posted impotenza Giugno, at PM.

Posted 12 Settembre, at AM. Posted 16 Maggio, at AM. Posted 24 Settembre, at PM. Posted 10 Giugno, at PM. Posted 8 Novembre, at PM. Posted 17 Aprile, at PM. Antonio e maria. Posted 18 Aprile, at AM. Zia ho una erezione lei lo scoparia avete prostatite nuova vita se vuoi sapere qualcosa scrivimi ciao maria. Posted 3 Gennaio, at PM. Posted 22 Agosto, at PM. Posted 9 Giugno, at AM.

Posted 21 Marzo, at PM. Posted 29 Novembre, at PM. Posted 22 Aprile, at AM. Posted 23 Aprile, at Zia ho una erezione lei lo scoparia. Posted 16 Zia ho una erezione lei lo scoparia, at PM. Posted 21 Luglio, at PM. Posted 11 Aprile, at PM. Ciaooo sono Luca sé tua moglie ha bisogno di qualcosa di grosso fammi sapere 23cm su wezzp.

Posted 6 Novembre, at AM. Posted 4 Ottobre, at AM. Posted 10 Marzo, at PM. Posted 1 Marzo, at PM. Posted 26 Luglio, at AM. Posted 24 Maggio, at PM. Posted 23 Novembre, at PM. Posted 22 Novembre, at AM. Posted 5 Giugno, at PM. Zia ho una erezione lei lo scoparia 31 Dicembre, at PM.

Posted 1 Gennaio, at AM. Posted 25 Maggio, at PM. Posted 25 Agosto, at PM. Posted 30 Dicembre, at PM. Posted 24 Gennaio, at AM. Cura la prostatite 7 Giugno, at PM.

Posted 12 Giugno, at PM. Posted 22 Luglio, at PM. Ciao non devi avere paura se vuoi conta ttami che ne parliamo baci Posted 29 Ottobre, at PM. Posted zia ho una erezione lei lo scoparia Settembre, at AM. Posted 30 Settembre, at AM. Posted 31 Ottobre, at AM. Posted 13 Dicembre, at PM. Posted 14 Dicembre, at PM. Posted 8 Marzo, at AM. Posted 15 Marzo, at PM. Posted 3 Aprile, at AM. Posted 7 Agosto, at PM.

Posted 3 Settembre, at PM. Posted 9 Agosto, at AM. Posted 9 Settembre, at PM. Posted 3 Maggio, at PM. Posted 15 Settembre, at PM. Posted 28 Giugno, at PM. Posted 15 Luglio, at PM. Anche dovelle e dinuelle. Prostatite in Val di Chiana.

Nel folignate soltanto da nessuna parte. Lo Zingarelli lo riporta come plurale di due. In combinazione con tutte le particelle pronominali: ecchice, ecchive, ecchele, ecchelo ecc.

Largamente usato nelle deliberazioni consiliari e nella corrispondenza del Comune del XIX secolo. Egiptiache Giorni egiziaci erano detti quei giorni ritenuti infausti Fumi p.

zia ho una erezione lei lo scoparia

In posizione lontana da chi parla e da chi ascolta. Vedi esto. Vedi ecchelo e estolo. Oggi ha significato di persona che imita, persona che tenta di eguagliare qualcuno. Emulo u. Usato sempre nel significato di rivale. Vedi Ser Tommaso: infensare.

Ragionamento in forma sillogistico-deduttiva in cui zia ho una erezione lei lo scoparia taciuta una delle due premesse Zn.

Entrante a. UTET: dialetto umbro, laziale, abruzzese, romagnolo e marchigiano. Anche pritosello. Expedire u.

Si direbbe una coniugazione regolare del verbo essere. In posizione vicina a chi ascolta. Esto a. Dal Latino est hoc Fumi pag.

In combinazione con tutte le particelle pronominali: …èstime, èstite, èstice, ecc. In posizione lontana da chi parla. Vedi ecchelo e ejolo. Da etiamprostatite, e diuavverbio latino che significa a lungo.

A 15 dovrebbe trattarsi di fanciulla, ma zia ho una erezione lei lo scoparia considerate maritatore da maritole fanciulle di 12 anni, quindi, in questo caso, serva. Maschile: fante. Vocabolo che indica erroneamente anche la poliomielite, detta anche bolla. Non è il diminutivo di falco, ma un falco che non è in grado di ghermire un tacchino. Anche nel genovese. Vedi billaro. Falchunecte v.

Falda t. Da faldare, tagliare secondo faglie o strati. Anche moccoloso. Focaccia a base di farina di ceci impastata con acqua e cotta al forno; specialità ligure e toscana. Vedi anche arcora. Vento discendente caldo, secco, sul versante sottovento di una catena montuosa, ma Ser Tommaso intende il Maestrale. Favogno v. Un confronto con il cognome Ferla, ne farebbe ipotizzare la possibile origine dal latino ferulabastone. Quindi Ferlicca potrebbe significare ferulicchiabastoncino.

Zanazzo: Inferlicchese : dal tedesco: Busse. In origine Ferla si chiamava Ferula dal vocabolo latino ferula. Anche lindiera, linghiera e rindiera. Ferriere di S. Anche furiere. Prostatite a. Latino fiscina Fumi p. Anche Prostatite cronica. Anche santese. Dal latino fetareconcepire. Dal latino foetere : puzzare.

Offa indica anche una focaccia da forno, ciambella, schiacciata. Offella un dolce di pasta frolla e mandorle tritate. Anche fiara. UTET: deverbale di fiarà — dialetti piemontese, marchigiano, umbro e laziale a Rieti : grande fiamma. Da fiara per fiamma. Nel calabrese: figghiari. Anche sgravà. Chi è stato tenuto a battesimo o a cresima, rispetto al padrino o alla madrina.

Nel calabrese figliani e figghianunel basso Lazio figliane. Anche finante e finente vedi. Fioccha a. Riferendosi il Fumi agli Statuti di Castiglione, è possibile accertare che per fiocca si zia ho una erezione lei lo scoparia un branco di animali domestici in genere, non soltanto di maiali: …In grano, biade, zia ho una erezione lei lo scoparia e simili dal primo di novembre fino al primo di aprile giuli tre per fiocca di bestie pecorine e caprine, e per bestia baiocchi due e il danno… inoltre: …La fiocca di pecore e capre si intende da 20 sino a in quanto a pagare, ma in quanto al danno, quello che sarà stimato… Statuto di Castiglione del Anche Cura la prostatite. Anche fischia.

Secondo il Durante erano conosciute diciassette forme impotenza flusso, tra cui le principali il flusso dissenterico, il fusso di sangue, il zia ho una erezione lei lo scoparia emorroidale ecc. Fuocaccette v. Fino alanno di abolizione, imposta di famiglia. Stretto passaggio?. Nel linguaggio dantesco: girone. UTET: dialetto umbro, laziale, marchigiano ed emiliano: caraffa da mezzo litro, a metà, un quarto di boccale.

Magazzino o deposito di merci varie. Nel Medioevo, edificio adibito a magazzino, e spesso ad alloggio, tenuto dai mercanti in Paesi stranieri. Fondeco, Fondico v. Per la differenza da bottega, vedi Pontica. Nella frase: ano.

Gli uomini in erezione

Vedi foratino. Anche Prostatite. Nel Medioevo, parte del cappuccio zia ho una erezione lei lo scoparia scendeva lungo una guancia ricadendo sulla spalla. Force v. Nel senese dicesi ancora forgia per foggia Fumi p. Anche forbicetta. Detto di animale non domestico e di persona poco socievole. Anche nel milanese; nel ciociaro: foresticu. Al posto degli interruttori esistevano dei variatori di tensione con i quali abbassare la luce di una lampada per consentire di accenderne una seconda.

Camminà forimano: circolare nella corsia sinistra della strada. Fabbro ferraio, fabbro cuoiaio faber corriarii ecc. Anche come accrescitivo di situazioni o qualità negative: …imbriaco fracico… malato fracico……cotto fracico…. Potrebbe anche intendere fiamminghi: …arpe, vivole et orgheni fiamenghi… SP.

Anche francioso. Da notare che mantiene il finale in — oio, anziché in — oro. Trattiamo la prostatite fazzoletto fritto e fregnaccia.

Altrove, pasta sminuzzata sulla spianatoia battendola con una frasca. Nel calabrese settentrionale: frasca. Carne zia ho una erezione lei lo scoparia cotta con verdure ed aromi Zn.

Dal francese fricandeau.

Nuova antologia

Nel folignate, fregne : desiderio del superfluo. Anche fIazzoletto fritto e frappa. Nel folignate, fregno : tizio, persona qualsiasi. Vedi frescone. Pellicola che avvolge la cipolla. Fresciotto v. Eufemismo di fregnone. UTET umbro: semplicione, buono a nulla.

Nel calabrese: freva. Anche ticchio e fricciolo. Nel calabrese: frisuli. Anche ticchio e friccico.

Знакомства

In questo caso, potrebbe trattarsi di un forte raffreddamento. La perniciosa algida è una febbre malarica caratterizzata da gravissimo stato morboso causato da forte abbassamento della temperatura corporea. Nel ciociaro: fritti. Uccello zia ho una erezione lei lo scoparia dei Fringillidi dal becco coriaceo e voluminoso e dal tronco tozzo, buon volatore, che predilige i boschi di montagna Coccothraustes coccothraustes Zn. Da frullare, girare velocemente. Antonio della impotenza de Sancto Domenico… sT.

Frusta u. Anche gli statuti fiorentini parlano di una congregatio frustatorum Fumi p. Sempre al plurale frutte. Escludendo che si tratta di ragnatele, che Ser Tommaso chiama rete de ragnolo o ragniledovrebbe trattarsi di detriti accumulati fuori della tana del ragno. Nel calabrese: fulinia. Anche nel folignate e nel calabrese. Nel calabrese settentrionale: fumèntunel basso Lazio fumiente. Trattiamo la prostatite Agrocibe aegerita.

Fune di diametro di circa 1, 5 cm. Voce dotta, latino furarida furgenitivo furis, ladro Zn. Furiere per friere frate altrimenti cavaliere Fumi p. Anche ferriere. In molti dialetti del nord, ma come fulminante UTET. Il Lalli nel primo libro della sua Eneide Trav. Altrove, Ser Tommaso dice anche: …gle poniva le corna…; fusa torte potrebbe quindi anche significare fingere di amare, fare le fusa a …collo torto…ossia malvolentieri e fingendo. Fusta t. Usavansi specialmente per scorrerie e come nave esploratrice Fumi zia ho una erezione lei lo scoparia.

Basso latino cabanus. Pigliare a gabbo: prendere alla leggera. Vale anche gagliardo: …sittantè so gajardo….

Donne che praticano massaggi prostatici

Impotenza ganzo e ganzesco. Galeazza, Galeazzo t. Aveva venticinque e più banchi e remi prostatite grandi che per adoperarli ci volevano sette uomini.

Aveva inoltre tre alberi e tre vele Fumi p. Deformazione di garretto. Anche galetta. Insetto dei coleotteri con dorso rosso e sette punti neri Coccinella Septmepunctata. Detta anche gallinella del Signore o della Madonna. Detto anche canaglia, farabutto. Ferro su cui si inseriscono e girano i battenti delle porte e delle finestre. Vedi ganghino. Vedi gangaro. Anche gajardo e ganzo. Anche gajardo e ganzesco. Gargamello a.

Vedi sgargamellasse. Nel milanese gargaross. Gativa, Gattiva. Voce che il cronista adopera sempre isolata e che sottintende probabilmente il sostantivo pustola, bolla. La cattiva deve essere la pustola altrimenti detta maligna. Infatti tutti coloro che si ammalavano di una zia ho una erezione lei lo scoparia in breve ne morivano. Anche altri oggetti tondeggianti, come il gavocciolo o bubbone. A Viterbo: gavozzolo. Anche gaucciolo. Gazarato, forse corruzione di garzato. La zia ho una erezione lei lo scoparia era la raschiatura che si faceva con un cardo sulle stoffe.

Per estensione: pancia gonfia. Gito a. Soldato mercenario ma scelto. Anche balio e balivo. Latino classico castramentari. Tommaseo: arte di disporre i campi di guerra. Catarcione a. Denominazione che il cronista da ad una malattia o al sintomo di una malattia. Quindi probabilmente diarrea o enterocolite. Vedi Lita Fumi. Dal latino catellu mdiminutivo di catulus : il piccolo di ogni quadrupede, poi cagnolino. Per estensione: grande quantità di percosse.

Vedi Ser Tommaso: cattivo. Vedi Prudenzani: cattivanza. Cavallaro u. Attualmente soltanto chi guarda, alleva o commercia cavalli. Cavalli ligiere t. Vedi cavijà. Zia ho una erezione lei lo scoparia a. Anche carroccio. Nel basso Lazio: barattolo di latta. Cazzimperio è ritenuta anche una variante meridionale di cacimperiovivanda di formaggio grattugiato, burro, uova sbattute, latte o brodo, simile Prostatite fonduta.

Anche padella. Nome scientifico Pica pica, mentre pica, nel dialetto, è detta la ghiandaia Garullus glandarius. Vedi accecciàsse assede e siète.

Così parlavano a Castiglione

Celate t. Ciellaio a. In particolare piccolo uccello. Anche ucello. Frate che cura la dispensa e gli interessi temporali della comunità. Il Fosso Cennaroso delimitava il confine del piviere di Santa Maria in Porzano, nel quale era compreso Castiglione nel Partendo dalla località Cerreto, nei pressi di Lubriano, si getta nel Paglia subito a sud del colle di Tordimonte.

Anche cetilenacome nel ferrarese. Cénto u. Viene cucinato quale variante meno pregiata della trippa. Famoso per i Castiglionesi è il censo Salviati, pagato per saldare il debito dei Il censo, di 1. Anche ciarasa e chiaracia. Dal latino Prunus Cerasus, che indica la marasca o visciola, e dal greco kerasos Kerasos.

UTET: diletto umbro perugino. Talvolta ciarasolo. Quando assume forma quasi circolare intorno alle unghie. Dal latino cerdo : artigiano di basso rango, ciabattino. Forse in senso dispregiativo: maialone.

Corpo di fanteria reclutato nelle province o nel contado. Cerne t. I mercenari stranieri sono detti dal cronista stradiocti, stradioti. Vedere stradiotto Fumi.

Dal latino cerniculumcrivello. Prostatite ne esiste uno chiamato lucerna e che è composto da rete fitta sostenuta ai quattro lembi da due bacchette curve e poste in croce.

Indica generalmente la specie Farnia; sono indicate con il proprio, o comunque con altro nome, tutte le altre specie quercia cerro, erce Trattiamo la prostatite, cerqua da sughero, roverella. Dal latino caesim : di taglio, tagliato. Trattandosi di una vivanda, potrebbero essere cedri, meno probabilmente una specie di pesce citharus con il corpo striato come le corde della cetra.

Nella lingua italiana si riscontra cetra come zia ho una erezione lei lo scoparia piccolo scudo rotondo di vimi e cuoio. UTET: umbro, toscano e laziale, dal latino tardo citto : presto.

Chi a. Anche parlare. Dal tedesco antico klappa. Anche ciarasa e cerasa. Riferito in particolare al vino rosatello. UTET: dialetto umbro perugino. Vedi cerusico. Sorta di malattia che secondo il cronista sarebbe affine alla malinconia.

Forse immaginario, ma potrebbe trattarsi della beccaccia. Vedi javica. Non ho potuto trovare che questa voce sia ancora adoperata. Queste voci non sono che la corruzione del latino qui velles, quod velles, ubi velles Fumi p. Vedi ciavattone. Nel genovese, ciampella : grosso bottone. Vedi ciavatta. Dalla stessa radice di inciancicàmasticare. Vedi smozzicà. Anche inciancicaticcio. Da ciancia, impotenza inutile e sconclusionato.

Vedi cianfrujà. Vedi ciancottà. Vedi ciantellone. Anche carambella. Anche cerasa e chiaracia. Ciaravelle, ciarvello v. Cialfo significa viso largo e paffuto; ciarpa oggetto vecchio e senza valore.

Nel folignate, ciaffo : persona con prognatismo. Indumento confezionato con questo tessuto. Tammanni ellotto. Da ciarpa parola vanaoppure da sciarpelleria sciocchezza.

Ciavactiere, Ciavactiero v. Vedi ciampellone. Vedi ciburio. Cicottola …è la stessa cosa che …cibottola … Fumi p. Anche cicottola e cirignoccola. Ciburio v. Anche scarfagna e lilla. Dal francese ciquet. Per estensione, starter, dispositivo di avviamento. Frutto Prostatite cronica di tale pianta. Nel calabrese settentrionale: cicirata come i ceci.

Anche ciciarello e gracicio. Anche cicetto. Nel milanese, cicin : pochino. In senso tra il dispregiativo e lo scherzevole. Ad Acquapendente: acciccottolà : colpire tra zia ho una erezione lei lo scoparia e cranio. Dialetto umbro, zia ho una erezione lei lo scoparia latino parlato ciculis per il classico cuculis UTET.

Anche cucco. Anche nel basso Lazio, nel maremmano, nel calabrese e nel Verghereto. Non ha il significato zia ho una erezione lei lo scoparia cicisbeo, ossia di uomo galante ma lezioso. Vedi carciofina. Cimatore, colui che levava la cima e scemava il pelo al zia ho una erezione lei lo scoparia di lana tagliandoglielo con le forbici.

Così parlavano a Castiglione

Vedi frèa. Da cinquina vedi con il suffisso accrescitivo -ale. Ciochuli v. Latino socculi. Arcaico ciovetta. Da ciolà rsinel senso di stare zitto come quando si dorme. Nel calabrese Cura la prostatite sciorniada ex ornare. Nel ciociaro, sciorgnia : stupida.

UTET: in dialetto umbro picicchia, dal latino parlato piciculadiminutivo di pixpicis : pece. Detto ad un ragazzo, significa che è ancora un bambino. Anche ortolano. Apprezzata per essere mangiata in pinzimonio, oppure come condimento crudo di alici ed altre pietanze piccanti. Cicottola …è la stessa cosa che …cirignoccola … Fumi p.

Vedi zia ho una erezione lei lo scoparia e cicottola. Nel latino, felleus deriva da fellisfiele. Anche fiele. Vedi Ser Tommaso: citolo. Citolo a. Ragazzo: quindi bambino. Vedi Prudenzani: cito. Solitamenet al plurale: ciucciche Nel dialetto orvietano: succiche. Nel folignate, ciufeca : alimento di cattivo gusto.

Nel calabrese: intruglio di pessimo gusto. UTET: vino scadente. In molti dialetti si riscontra cifeca o ciofecaed indicano anche il caffè annacquato o scadente. Zanazzo: vino cattivo. Ciuffale a. Dal latino cepa e cepium. Esiste in lingua francese il vocabolo civetda civecipolla, zia ho una erezione lei lo scoparia indica un ragù a base di cipolla ed un intingolo a base di vino, sangue e verdure, usato per la selvaggina.

La cottura in civet indica la selvaggina cotta dopo marinatura nel vino. Voce onomatopeica di richiamo per le galline: …coche! Vale anche cuocere. Zia ho una erezione lei lo scoparia quantità. Dal latino cophinum. Vedi cuja. Anche nel folignate e nel Verghereto. Nel basso Lazio: zia ho una erezione lei lo scoparia.

Nel senso di colare il ferro fuso nello stampo. Pianta erbacea delle Ombrellifere con fusto eretto, fiori piccoli e bianchi, frutti glabri con semi aromatici e medicinali Coriandrum sativum.

Coliandri a. Anche coriandro e curiando. Anche nel grossetano e a Velletri. Columbro, fungo primaticcio. Si riscontra columbro come variante meridionale Puglia, Campania, Sicilia del cognome Colombo. Attualmente cummune vedi.

Dal latino comparco, comperco, compersi. Letteralmente: comperato, ossia di fabbrica, non fatto in casa alla meglio. Detto del fieno che comincia a fermentare a causa del caldo umido.

Nel folignate: mantenere caldo. Solitamente con accezione dispregiativa. In senso ironico: punizione. Et fece lo convito bello in casa… sT. Anche conzervone. Anche conzerva. Consorto v. Dal latino copiam. Coratella u. Propriamente è quella parte commestibile dei visceri di tutti gli animali usati per alimentazione.

zia ho una erezione lei lo scoparia

Colchare a. Mucchio di larghezza pari ad una gregna e di altezza simile, ma di forma molto allungata, anche 20 o 30 metri. Arcaico coriandro. Anche coliandro e Trattiamo la prostatite. Entrare Registrazione. Transcript sa [A], prep. O are. A], s. AL], sallépppico [O], s. AL] : sarviétta. Santino, santo: tuttisante [O], Ognissanti d. I 6 sanno impf. CG, AL.

MG], salci prostatite [MG], s. MF], saicino [MF rust. MF], agg. CG], sergènte [MF], s. MF], s. F, AL, MF], agg. ALI A], v.

CG], y tr. CG], s. AL], v. CG, MF], s. AL], sganascia [AL], sganassà [O], v. AL], scagna [A. F], v. MG, F, CG], v. CG], v. F], p. Zia ho una erezione lei lo scoparia, F], v. A, CG. Zia ho una erezione lei lo scoparia, v. AL], scercà. A, CG, MF], v. MF]: schértro ALI A, F, MF], lo stesso che méscola furata vd.

A, MF], s. F], lo stesso che ucellà. MF], lo stesso che sguiciolà ALI F], agg. MG, F], s. F, CG], agg. F, CG], v. Lo stesso che scorza. A, F, CG], v. F], s. MF]: sédice ALI F] : siedóne. CG, MF], secala F. MG, F], v. MF ], 1. AL], s. MG], sèguolo [MG], s. A], agg.

F, MF], agg. F], loc. MF] lo stesso che scartoccia ALI F], sfonnato [O], p. F], agg. MG], zia ho una erezione lei lo scoparia [CG], s. AL, CG]. MF], sgregnolà [O, AL], v. F, MF], v. A, F, MF], s. Secondo AIS MG, A. F], soménta [AL], s.

MG, A, AL. A], lo stesso che smozzicà. MG], lo zia ho una erezione lei lo scoparia che nicchjà. F], lo stesso che spégné'. A, AL, F], lo stesso che sgrugnasse, 1 vd. A, AL], s. AIS, F, CG], sópra, supra, avy, 1. CG], inzolfatura, s. F], y tr. MG], spampinasse [MG], v. Pass, sparzo], 1. Spicelo [O, MG, F], spigole? F, CG. Spi- rito santo. F, MF], s.

MG], spolvarà [A, F], v. CG], s in. MFstàmmara CG are. MG, F. F], lo stesso che nicchjà. CG, MF], strijja [A], s. F, AL, CG. MF], strijjà [A, MF], v. F, MF], strigi? F], strigasèipe [O, Fs.

AL]: — strégne. A], lo stesso che stia pazzatura. MG, AL], v. A, F, AL], v. MF], lo stesso che strucinà ALI MG, A, F], s. MF], svagata, s. CG], tacculino[O, MG.